Il regista teatrale, attore, scrittore e fotografo svizzero Markus Zohner, da dicembre 2008 a settembre 2009 ha attraversato a piedi l‘antica Via dell‘Ambra, da Venezia a San Pietroburgo.

Zohner ha percorso più di quattromila chilometri in 9 mesi, toccando 11 nazioni: partendo dall’Italia e passando per Slovenia, Ungheria, Austria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Polonia, Lituania, Lettonia, Estonia, è infine giunto in Russia.

La documentazione raccolta durante questo viaggio è stata rielaborata, dando vita a una meravigliosa mostra fotografica e multimediale costituita da oltre 120 fotografie, 60 tavole, cartine e didascalie dettagliate in tre lingue: italiano, tedesco e inglese. L’esposizione fotografica dedicata a quest’esperienza, già presentata al castello di Jedenspeigen (Austria), in un’esposizione all’aperto nel centro di Lugano e a Sopron (Ungheria), approderà a Bellinzona, al Castello di Sasso Corbaro il 22 marzo 2013 e verrà ospitata fino alla fine di giugno.

Una testimonianza artistica e iconografica di come si possano mettere alla prova i propri limiti, ma soprattutto… un percorso di riscoperta della nostra civiltà sul solco di una delle vie che ne hanno segnato la storia e il cui fascino è rimasto immutato.

Le fotografie costituiscono gli “appunti fotografici” di un avvincente reportage e raccontano, con grande nitidezza, i nove mesi del viaggio e il suo protagonista, alle prese con la ruvidezza dei paesaggi incontaminati, il freddo e le difficoltà di un viaggio così arduo, ma anche il calore e l’ospitalità di chi l’ha accolto e la bellezza di luoghi lontani e misteriosi.

Un appassionante “viaggio nel viaggio”, raccontato attraverso immagini che sembrano rievocare gli odori, i sapori, le persone, i ricordi e le emozioni vissute. Intensi ritratti, paesaggi mozzafiato, strade che si perdono all’orizzonte, concorrono a creare un percorso espositivo ricco e pieno di suggestione.
Volti di anziani e di bambini, sguardi di viandanti e di lavoratori che raccontano la complessità umana con estrema autenticità. Immagini vere, che restituiscono il senso e la profondità di un’esperienza unica, mostrando le diversità, ma soprattutto i legami che accomunano luoghi e persone, seppur in latitudini diverse.

L’obiettivo fotografico di Zohner immortala la sua curiosità, il senso di meraviglia e di stupore per il mondo e per le cose che lo abitano, catturandone lo spirito, la grandezza.

Un percorso alla scoperta di un pezzetto di mondo, per ispirare i cuori e le menti di chi lo osserva.

In un contesto “magico” – allestito nel Castello Sasso Corbaro – fatto di legno, luci, tessuto e pezzi d’ambra, permetterà ai visitatori di immergersi completamento in un universo in cui ci si perde. Tra le particolarità della mostra, estratti audio e video che raccontano la storia di questo viaggio straordinario, attraverso la voce di chi l’ha intrapreso.

Un percorso tutto da guardare, ma anche ascoltare, leggere, toccare, gustare…