Buona domenica, San Martino!

Sperando che hai già tagliato il tuo mantello per poterlo condividere con il povero, ti mandiamo un piovoso saluto!
 
Se in questi giorni sei a Londra, o se hai intenzione di andarci, o se non hai avuto l’intenzione, ma l’intenzione potrebbe nascerti, vai assolutamente a vedere la mostra OCEANIA, con reperti spettacolari dal passato al presente e con un’istallazione video mai vista.
Da non perdere anche la mostra Klimt / Schiele – Drawings from the Albertina Museum, Vienna, (ancora fino al 3 febbraio 2019)
Tutte e due le mostre si trovano alla Royal Academy of Arts, che quest’anno compie i 250 anni di esistenza.
Ancora fino al 24 ottobre ci sarà lo spettacolo ear for eye di debbie tucker green al Royal Court Theatre. Violenza? Non-violenza? Vai a vederlo!
“Change don’t give-a-fuck
change gone do its thing with or without you.”
Noi adesso siamo nel mezzo della postproduzione delle registrazioni fatte quest’estate: LA CREAZIONE DEL MONDO – Io. La generazione dell’anima umana. Le prime puntate saranno pronte in anteprima per i nostri membri sostenitori da metà novembre. Se vuoi sostenere questo nostro lavoro radiofonico, iscriviti! Qui trovi tutte le informazioni.
Siamo sicuri che già tempo fa hai deciso di uscire dal consumismo natalizio sfrenato e di rinunciare del tutto al fare e al ricevere dei regali. Tutto quanto è una grande chimera di un sistema che sempre di più consuma e sempre di più sfrutta il nostro tempo, i nostri soldi, la nostra attenzione e le nostre risorse per continuare a forgiare le catene che ci tengono catturati in mondi che sembrano, ma che non sono nostri.
Se invece vuoi condividere qualcosa di bello, ordina pure il nostro libro, per regalarlo a tutti.
Grazie di esserci!
Bildschirmfoto 2018-09-29 um PROVE RADIO FRANKENSTEIN LUGANO

Buona domenica solare, terrestre!

Non trovi che alle volte venga la vertigine stare su du piedi, su questo minuscolo pianeta che spara con una velocità di 390 chilometri al secondo* attraverso quest’universo che continua ad accelerare la sua espansione?
Anche l’Oktoberfest è già a metà e fra pochi giorni inizia l’allestimento di RADIO FRANKENSTEIN a Bellinzona.
 
È l’ultima possibilità, per il momento: RADIO FRANKENSTEIN venerdì 5 ottobre verrà presentato ai ragazzi del Liceo di Bellinzona e la sera alle 20:30 ci sarà l’ultimo spettacolo in Ticino aperto al pubblico. Come sempre per questa produzione, il numero di posti è limitato: chiama subito**, se no, (te la) sei persa.
 
Sei quell’uomo perché hai quel ginocchio, quel dolore alla spalla, quel cuore, quella preferenza per quel budino alla vaniglia, quella fede in quel Dio, quel ricordo di quella nonna?

 

Sieh dir diesen Beitrag auf Instagram an

 

Ein Beitrag geteilt von Markus Zohner Arts Company (@markuszohner) am

Se sei membro sostenitore della compagnia: grazie davvero per il tuo aiuto prezioso, che ci permette di continuare tutti i nostri lavori, anche se forse non immediatamente rendono finanziariamente. Se non sei ancora membro: diventalo! È molto bello, vale la pena! 
Abbiamo visto il vernissage dell’esposizione del grande pittore Nando Snozzi: Ipotesi per un’utopia. Devi andarla a vedere, è importante. Includiamo le info in questa newsletter.
Pensieri profondi,
a presto!
*in referenza alla radiazione di fondo microonde
** +41 91 814 00 10

Ein Sonntag, mitten im August.

Come stai passando quest’estate meravigliosa? Speriamo che queste righe ti trovino in ottima salute, rilassato e contenta!

 
Per noi si è concluso un grande ciclo, nel quale, in quattro anni, abbiamo sviluppato una trilogia di sette incontri con scienziati, per raccontare l’origine del mondo, l’origine dell’uomo, e l’origine del nostro „io“, della nostra coscienza. Ventuno eventi, un’affluenza del pubblico formidabile e meravigliosi e intensi incontri con scienziati magnifici.
Dall’inizio del 2019 pubblicheremo anche le registrazioni degli ultimi sette incontri sulla nostra App RADIO PETRUSKA – se vuoi aiutarci a realizzare questo lavoro oneroso di postproduzione e di pubblicazione di oltre 12 ore di podcast su „IO – la generazione dell’anima umana“, diventa membro della nostra compagnia e sostienici!
 
Fra poco inizieranno le prove per RADIO FRANKENSTEIN, lo spettacolo prodotto l’anno scorso per i festival HOME di Lugano e RESONANCES II del Joint Research Center di Ispra. Dato che tutti gli spettacoli a Lugano, a Milano e a Ispra sono stati esauriti, in collaborazione con HOME abbiamo deciso di riproporre lo spettacolo al pubblico Ticinese: ci saranno sei spettacoli a Lugano, e due spettacoli a Bellinzona. Per il numero di posti limitato, ti raccomandiamo vivamente di riservare / acquistare i biglietti in anticipo
 
Non disperarti che le vacanze presto termineranno. Inizierà un periodo favoloso, ancora caldo, colorato, ma di nuovo pieno di concentrazione e di pensieri intensi.
Nicht verzagen!

Ci vediamo presto.

Die Erschaffung der Welt: In sieben Begegnungen spricht Markus Zohner mit Neurowissenschaftlern über die Entstehung des menschlichen Bewusstseins

Markus Zohner trifft sieben Wissenschaftler aus der Welt der Hirnforschung, der Medizin, der Biologie, der Psychologie und der Informatik.

Nach der Erzählung der Geschichte Vom Big Bang zum menschlichen Gedanken (2015, als Podcast verfügbar in der kostenlosen App von RADIO PETRUSKA) und nach dem Veranstaltungszyklus Die Erschaffung der Welt – Die Evolution des Menschen (2016), wird die Markus Zohner Arts Company mit RADIO PETRUSKA während des Longlake Festival Lugano 2018 sieben grosse Wissenschaftler aus der Welt der Hirnforschung, der Medizin, der Biolgie und der Informatik treffen, um mit ihnen über das menschliche Gehirn, über Intelligenz, Erinnerung, Bewusstsein, Deep Learning und künstliche intelligenz zu sprechen. ICH: Die Projektion der menschlichen Seele. 
Die Gespräche mit den Wissenschaftlern finden vom 23.-29. Juli 2018 während des Longlake Festival in Lugano statt.
Alle Begegnungen auf italienisch, das komplette Programm ist hier zu finden.
Die Details zu den einzelnen Begegnungen finden Sie immer aktuell unter Next Events.
Achtung: Die Platzzahl ist begrenzt.
Kartenreservation ab sofort unter  +41 58 866 48 00 und am Infopoint Longlake FOCE.

Auf der Suche nach dem „Ich – die Projektion der menschlichen Seele“ Begegnungen mit sieben Neurologen, Hirnforschern, Informatikern und Biologen.

Einen schönen Sonntag, Freund!

Schon wieder sind ein paar Monate vergangen seit unserer letzten Nachricht, aber auch wenn Du mal länger nichts von uns hörst, sei ruhig: wir drehen die Erde auch ohne viel Aufhebens weiter.
Der Sommer streichelt schon über die Landschaften, die Zweige des Nussbaums rascheln leicht in der lauen Brise, und wir haben das Programm der „Erschaffung der Welt“ fertiggestellt: Wie in den vergangenen drei Jahren, treffen wir auch in diesem Sommer eine Woche lang jeden Tag einen anderen Wissenschaftler, um über die Ursprünge, die Entstehung und die Entwicklung der Welt – des Universums, der Erde, des Menschen zu sprechen. Der Versuch, die grösste aller Geschichten zu erzählen: La creazione del mondo – Die Erschaffung der Welt.
Nach „Vom Urknall zum menschlichen Gedanken” (2015) mit sieben Astrophysikern, Physikern und Biologen und „Die Evolution des Menschen – von den ersten Schritten auf der Erde bis zur Abreise in den Weltraum“ (2016) mit Archäologen, Biologen, Historikern und einem Kosmo-Ökonomen, treffen wir dieses Jahr auf der Suche nach dem „Ich – die Projektion der menschlichen Seele“ sieben Neurologen, Hirnforscher, Informatiker und Biologen. Was ist Intelligenz, woraus besteht das „Ich“? Bin ich meine Wade? Gibt es bewusstes Handeln, wird künstliche Intelligenz Bewusstsein entwickeln? 
Sieben Begegnungen im Rahmen des Longlake Festival Lugano – detaillierte Informationen hier und hier.
Wir freuen uns, wenn Du nach Lugano kommst, wir freuen uns auch, wenn Du uns schreibst oder wenn wir Dich sonstwo treffen in der Welt.
Bleib in Kontakt!
Lass es Dir gutgehen, einen lichtvollen Sommer!

Ti mandiamo la nostra newsletter! | La tua privacy

Buona giornata, proprietario dei tuoi dati!

In questi giorni hai ricevuto mille mail nelle quali tutti ti promettevano di trattar bene i tuoi dati. Ovviamente anche noi lo facciamo, ma non solo: trattiamo bene anche te!
Allora prima per te: in questi giorni abbiamo ricevuto conferma da tutti i sette ospiti per i nostri sette incontri di dal 23 al 29 luglio 2018, durante il Longlake Festival Lugano:LA CREAZIONE DEL MONDO. Io: la generazione dell’anima umana.
Stiamo aspettando ansiosi di poterli incontrare: personaggi di spicco, a cui chiedere tutto sul funzionamento del cervello umano, sul suo svilluppo, sul carico elettrico del pensiero, sulla registrazione e sul ritrovamento della memoria, sulla generazione della nostra identità, e sull’intelligenza del futuro. Oggi ti mandiamo, in anteprima, il programma completo!
Riservati già le date, e, per essere sicuro di avere un posto, riservati anche i biglietti!
Felici di vederci presto, per pensare insieme!
Poi, per i tuoi dati: noi abbiamo solo il tuo indirizzo e-mail (eventualmente connesso al tuo nome), e quello sta su un nostro computer. Ci serve soltanto per spedirti questa newsletter. Ammettiamo che ci sono anche 1-2 copie di sicurezza (backup), le quali risiedono su sistemi protetti in internet (Amazon). Ovviamente puoi sempre cancellare questo tuo indirizzo – il testo intero legale sul nostro comportamento conforme alle leggi sulla protezione dei dati GDPR lo trovi qui, e il link per unsubscribe lo trovi e lo troverai sempre alla fine della nostra newsletter.
Una buona serata e una splendida settimana luminosa!

Ti teniamo informata con piacere – iscriviti pure nella nostra mailing list, e riceverai delle belle nuove quando ci sono!



If you are subscribed to our mailing list

We’d like to inform – according to the GDPR data protection laws – that you are subscribed to our mailing list. This means your email address is stored in our offline database, with 1-2 backups of the database residing on secure online backup systems, and that you have agreed to be added to this list.
We will use your email address solely to inform you about Markus Zoner Arts Company’s performances, projects and activities; we never will sell or trade your personal data to third parties. In case you want your email address removed, you always can unsubscribe from this mailing list by clicking the link at the end of this mail.

 

Nando Snozzi e Markus Zohner, PETRUSKA - The Sense of Life, progetto radiofonico

No NoBillag 3: creare cultura

Buona domenica, ricercatore della tua vita!

Qui in Svizzera, „NoBillag“ è storia. Spazzati via i signori con le loro intenzioni maldestre di spaccare la vita culturale. Almeno per un momento sono azzittiti.
Interessante però notare quanto la cultura dia fastidio a quel mondo oscuro di soldi, di potere, di interessi dietro il fumo prodotto da queste persone, per accecarci.
Noi invece, nel frattempo continuamo a preparare nuovi eventi, corsi, progetti, podcast, libri, spettacoli. Un’offerta ricca, e multipiattaforma.
Oggi, per esempio, potresti già iscriverti a Z>ACT 2018, l’accademia per la creazione teatrale a Lugano, potresti uscire e, facendo una lunga camminata sotto la pioggia potresti ascoltare tutti i nostri podcast sul senso della vita, sulla creazione del mondo, su arte, scienza e vita.
O, potresti ordinare il bellissimo libro di Markus sulla sua avventura trans-europea, ti arriva direttamente a casa, e così domenica prossima potresti continuare a sognare della tua partenza…
Ci potresti anche scrivere, prepararti una tisana, dormire, insomma, fai quello che ti pare!
Basta che ci vediamo presto.
Buona domenica, e una settimana illuminante!

No NoBillag 2: Incontro con Maurizio Canetta per RADIO PETRUSKA

Buongiorno, e una buona domenica luminosa!

Grazie per tutte le tue risposte sul nostro pamphlet sulla votazione „NoBillag“! Siamo felici di vedere che ci sono tante persone che la pensano come noi, ma… adesso sarà importante che questa votazione abbia un esito giusto.  Sarà interessante vedere i risultati!
Due anni fa, Markus ha incontrato, per RADIO PETRUSKA, il direttore della RSI, Maurizio Canetta, per parlare di „Radio e televisione del futuro“. Dato che questo incontro si è rivelato più attuale del previsto, te lo riproponiamo qui!

No NoBillag 1

Buongiorno adepto!

Speriamo che queste righe ti trovino bene, che sei in forma e contento per come stanno andando le cose!
Prima di scriverti sui nostri prossimi passi ed eventi, ti dobbiamo dire una cosa seria: il 4 marzo 2018 in Svizzera ci sarà la votazione „NoBillag“. Sebbene, come noi, non guardi la televisione, o se ascolti la radio solo poco, in auto o quando cucini (e, si capisce, semmai ascolti RADIO PETRUSKA!), anche se la Billag ti rompe l’anima o se trovi la musica di Rete 3 troppo industriale, devi votare „NO!“.
 
Questa votazione è una grande aggressione, non solo al mondo culturale svizzero da parte dei partiti populisti di destra, ma alla Svizzera intera come paese acculturato e politicamente e culturalmente vivo. Spaccando e rompendo la SRG, i promotori di „NoBillag“ vogliono spazzar via gli ultimi dibattiti colti e approfondimenti indipendenti, per far spazio illimitato ai loro interessi bassi.
 
Insomma, sono giochi sporchi, da parte di persone che vogliono usare la popolazione per i loro trucchi meschini di soldi e di potere. Non pensano al tuo interesse, all’interesse della popolazione e all’interesse di uno stato culturalmente vivo.
Increduli, da lontano, abbiamo seguito la catastrofe politica e culturale, nella quale Berlusconi ha fatto slittare l’Italia, manipolando la popolazione con i suoi propri mass media. È questo lo scopo dei promotori „NoBillag”: distruggere la cultura mediatica svizzera e la sua pluralità, per crearsi piazza pulita e dar via libera ai loro giochi viscidi di ideologie populiste, ma sopratutto ad una manipolazione della popolazione attraverso i loro propri giornali, le loro proprie emittenti TV e radio.
La TV della RSI è anche noiosa? Chiaro. La radio non ti dà una profondità che desidereresti? Certo. Costano una barca di soldi? Ovvio.
Ma questo non significa che distruggerle sia un’opzione.
Radio e televisione sono da migliorare. La RSI e la SRG appartengono a noi, sono pilastri di uno Stato sviluppato e acculturato; dobbiamo noi discuterne, trasformarle, insistere, criticarle e parlarne.
Per ricrearle.
È lavoro. E, come ogni lavoro: è da fare.
Un grande saluto da Monaco, e a presto!
In teatro a Stabio, in radio, o fra due settimane vieni a bere una birra con noi a Berna, dove parteciperemo al festival radiofonico SonOhr!

Newsletter del 5 ottobre 2017: STORIE EROTICOMICHE DA „LE MILLE E UNA NOTTE“ al TEATRO DEL GATTO, ASCONA / SVIZZERA

 

Lugano, 05 ottobre  2017
 

Markus Zohner Arts Company Homepage                                              RADIO PETRUSKA HOMEPAGE
ANNIVERSARIO 2017: 30 ANNI MARKUS ZOHNER ARTS COMPANY STORIE EROTICOMICHE DA „LE MILLE E UNA NOTTE“ CREAZIONE, REGIA E INTERPRETAZIONE: PATRIZIA BARBUIANI, MARKUS ZOHNER
ANNIVERSARIO 2017: 30 ANNI MARKUS ZOHNER ARTS COMPANY
OGGI: STORIE EROTICOMICHE DA „LE MILLE E UNA NOTTE“ al TEATRO DEL GATTO, ASCONA / SVIZZERA
GIOVEDÌ 5 OTTOBRE 2017, ORE 15:00
Per i suoi 30 anni di attività artistica e teatrale e dopo innumerevoli tournée in tutto il mondo, la Markus Zohner Arts Company è felice di presentare il suo classico Storie ErotiComiche da „Le mille e una notte“, con Patrizia Barbuiani e Markus Zohner, nuovamente in Ticino. 
Se oggi pomeriggio sei libero, vieni!
Patrizia Barbuiani e Markus Zohner parlano sulla loro creazione teatrale Storie erotiComiche da "Le mille e una notte", con la quale hanno girato tutto il mondo.
Mettiti le cuffie e ascolta:

 

Patrizia Barbuiani e Markus Zohner parlano sulla loro creazione teatrale Storie erotiComiche da “Le mille e una notte”

Ascolta il backstage!
Patrizia Barbuiani e Markus Zohner raccontano della creazione del loro spettacolo Storie ErotiComiche da “Le Mille e una Notte”, sulle tournee, i viaggi, le ragioni, i significati e le esperienze con lo spettacolo, in giro per il mondo.
 
INTERVISTA TELEVISIVA DI GIUSEPPE NUCERA A MARKUS ZOHNER: “RADIO FRANKENSTEIN”
INTERVISTA TELEVISIVA DI GIUSEPPE NUCERA A MARKUS ZOHNER: “RADIO FRANKENSTEIN”

 

Markus Zohner, direttore e fondatore della compagnia teatrale Markus Zohner Arts Company, spiega come lo sviluppo della scienza e della tecnica porti inevitabilmente a domande fondamentali sull’identità umana. Radio Frankenstein, spettacolo realizzato in collaborazione con JRC (Centro Comune di Ricerca della Commissione Europea), andrà in scena nuovamente il 15 ottobre al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci”.

Cosa ti fa essere ciò che sei? Cosa mi fa essere ciò che sono? Sei un essere umano perché hai un cuore? Perché hai degli occhi, perché hai un cervello? Perché cammini in maniera eretta, perché ti accoppi con piacere? Perché sai leggere, perché sei capace di scrivere il tuo nome, perché riesci a ricordare, perché credi di sapere di esistere?

dopo gli spettacoli del tutto esaurito a Lugano e al Joint research centre di ispra:

RADIO FRANKENSTEIN al Museo nazionale della scienza a milanO

15 ottobre ore 17:00

Prezzo d’entrata incluso nel biglietto di ingresso al museo. Acquistando il biglietto del Museo online è possibile prenotare il posto per lo spettacolo.

Il 17 dicembre di quest’anno, il neurochirurgo italiano prof. Canavero eseguirà il primo trapianto di testa umana. Non potendo eseguire l’intervento in Europa o in America per questioni etiche e di credibilità, il professore ha accettato di farlo in Cina. Avrà una clinica messa a sua disposizione a Harbin e un’equipe medica di 150 fra dottori e infermieri.

 

CON: PATRIZIA BARBUIANI, SANTIAGO BELLO, LUCA DOMAS, ALESSANDRA FRANCOLINI, IGOR MAMLENKOV, DAVID MATTHÄUS ZURBUCHEN.
TESTO E REGIA: MARKUS ZOHNER
VISUAL ARTIST E INTERACTION DESIGNER: SANDRO PIANETTI

 

 
Cosa ti fa essere ciò che sei? Cosa mi fa essere ciò che sono? Sei un essere umano perché hai un cuore? Perché hai degli occhi, perché hai un cervello? Perché cammini in maniera eretta, perché ti accoppi con piacere? Perché sai leggere, perché sei capace di scrivere il tuo nome, perché riesci a ricordare, perché credi di sapere di esistere?
 
RADIO FRANKENSTEIN: New performance by Markus Zohner Arts Company
 
RADIO FRANKENSTEIN viene creato per i festival HOME Lugano e per RESONANCES II Festival Milano 2017, esposizione con rappresentazioni e installazioni nate dalla cooperazione tra scienziati del Joint Research Center della Commissione Europea ad Ispra e artisti internazionali.
 
 

 

„…la vena creativa di Markus Zohner questa volta è al passo con i tempi e coglie spunto dalla stretta attualità per farci riflettere su un tema che si colloca perfettamente sulla scia del ciclo di approfondimenti «sulle origini del tutto» che il regista e attore da tempo realizza con interviste a tutto campo per la sua Radio Petruska destinata ad ascolti in podcast. L’attualità è quella legata al progetto di Sergio Canavero, il neurochirurgo italiano che vorrebbe trapiantare la testa di un paziente sul corpo di un uomo deceduto per morte cerebrale…."
Critica sul debutto di RADIO FRANKENSTEIN nel settimanale AZIONE 

„…la vena creativa di Markus Zohner questa volta è al passo con i tempi e coglie spunto dalla stretta attualità per farci riflettere su un tema che si colloca perfettamente sulla scia del ciclo di approfondimenti «sulle origini del tutto» che il regista e attore da tempo realizza con interviste a tutto campo per la sua Radio Petruska destinata ad ascolti in podcast. L’attualità è quella legata al progetto di Sergio Canavero, il neurochirurgo italiano che vorrebbe trapiantare la testa di un paziente sul corpo di un uomo deceduto per morte cerebrale….”
INSTAGRAM!

 

FOTOGRAFIE DAI NOSTRI VIAGGI, DALLE PROVE E DAGLI EVENTI!
Mesopotamia. L’uomo scopre e inventa l’agricoltura. Diventa sedentario. Fonde le prime città. Deve tener conto dei suoi possedimenti, inventa i numeri, la contabilità, la matematica, la scrittura. Nasce la nostra civiltà.

MESOPOTAMIA: LA NASCITA DELLA NOSTRA CIVILTÀ. 

CON FRANCES PINNOCK, PROF. ASSOCIATO DI ARCHEOLOGIA E STORIA DELL’ARTE DEL VICINO ORIENTE ANTICO PRESSO L’UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA

 

Mesopotamia. L’uomo scopre e inventa l’agricoltura. Diventa sedentario. Fonde le prime città. Deve tener conto dei suoi possedimenti, inventa i numeri, la contabilità, la matematica, la scrittura. Nasce la nostra civiltà.
 
Un incontro con Frances Pinnock, una delle scienziate più importanti nel campo delle scoperte nella zona di quello che cinquemila anni fa è stata la Mesopotamia.
Ascolta subito!

Scarica la nuovissima APP di RADIO PETRUSKA!

La rivoluzione radiofonica in Ticino è iniziata: RADIO PETRUSKA, il primo podcast culturale indipendente della Svizzera Italiana arriva nelle tasche dei Ticinesi: scaricando la nuovissima APP di RADIO PETRUSKA sul tuo telefonino hai il ricevitore radiofonico del futuro sempre con te.
Scarica adesso gratuitamente l’APP nel App Store (iOS) e in GooglePlay (Android) con immediato accesso a tutti i podcast culturali di RADIO PETRUSKA.
Informazioni sull’APP
“AGLI ESTREMI CONFINI DEL MONDO, DOVE SONO LE PORTE E LE SEDI DELLA NOTTE”. FOCUS SUL TICINO: DALLA PREISTORIA, FINO ALL’ATTRAVERSATA DEGLI ARGONAUTI ALLA RICERCA DEL VELLO D’ORO. CON IL DR. FRANCESCO RUBAT BOREL, ARCHEOLOGO PRE-PROTOSTORICO E DIRETTORE DEL MUSEO NAZIONALE PREISTORICO ETNOGRAFICO “LUIGI PIGORINI” DI ROMA E MARKUS ZOHNER. 01:10:15

“AGLI ESTREMI CONFINI DEL MONDO, DOVE SONO LE PORTE E LE SEDI DELLA NOTTE”. FOCUS SUL TICINO. DALLA PREISTORIA, FINO ALL’ATTRAVERSATA DEGLI ARGONAUTI ALLA RICERCA DEL VELLO D’ORO.

CON IL DR. FRANCESCO RUBAT BOREL, ARCHEOLOGO PRE-PROTOSTORICO.

 

Quali sono le prime tracce dell’uomo nelle Alpi occidentali? Quando è arrivato nel territorio insubre? Quali erano le prime popolazioni che si sono insediate in Ticino? Da dove sono arrivate? 

Un’esplorazione con uno dei più grandi specialisti di archeologia delle Alpi occidentali, dalle prime tracce dell’Uomo nell’Insubria, fino all’attraversata del Ticino da parte degli Argonauti alla ricerca del vello d’oro.

Ascolta adesso!
SERVIZIO COMPLETO! 

Ti mandiamo l’App rivoluzionaria di RADIO PETRUSKA sul tuo cellulare!

 
Non hai ancora la nostra bellissima App, e non hai voglia di occupartene? Ti mandiamo l’App gratuita di RADIO PETRUSKA sul tuo cellulare! Inviaci un SMS al numero +41 79 620 23 62 scrivendo la marca del tuo telefono, e riceverai il link diretto per il download.
 
RADIO PETRUSKA – il primo Podcast culturale indipendente della Svizzera italiana, la rivoluzionaria app Radio Petruska disponibile gratuitamente su App Store e Google Play.
Liberandosi dalla tecnologia enorme necessaria fino a poco fa alla trasmissione di contenuti, con le nuove tecnologie diventa possibile produrre e diffondere creazioni audio disponibili sul proprio smartphone. Sempre, quando e dove vuoi! Ascolta!
Contattaci | connettiti

Hai problemi per vedere questa mail? Guardala nel browser
Sei registrato/a nella nostra mailing list con . Clicca qui per toglierti dalla lista
Condividi su Facebook Tweet Invia ad un amico
© 2017 Markus Zohner Arts Company / RADIO PETRUSKA, Lugano

 

Intervista televisiva di Giuseppe Nucera a Markus Zohner: “Radio Frankenstein”

Markus Zohner, direttore e fondatore della compagnia teatrale Markus Zohner Arts Company, spiega come lo sviluppo della scienza e della tecnica porti inevitabilmente a domande fondamentali sull’identità umana. Radio Frankenstein, spettacolo realizzato in collaborazione con JRC (Centro Comune di Ricerca della Commissione Europea), andrà in scena il 29 settembre al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” in occasione del Meet Me Tonight di Milano.

 

Ci sentiamo la stessa persona anche se le nostre cellule si rinnovano in continuazione. Saremo capaci di “aggiustare” il nostro corpo come ripariamo la nostra macchina? Manterremo la nostra identità se stamperemo un nuovo fegato, cuore o cervello?
Radio Frankenstein è una performance artistica che studia le odierne possibilità scientifiche e tecniche di modificare, manipolare e creare corpi umani, proiettandole in un futuro prossimo in cui saremo in grado di trapiantare persino una testa umana su un nuovo corpo.

Già oggi, le stampanti 3D sono in grado di realizzare una calotta cranica, cartilagine e muscoli scheletrici a partire da materiali simili alla plastica e cellule vive di esseri umani, conigli, ratti o topi.

Saremo sempre gli stessi se aggiungeremo qualche terabyte al nostro cervello? Cosa succederà al nostro Sé se trapianteremo la nostra vecchia testa in un corpo giovane? Ciò che apparteneva alla fantasia umana fino a ieri, oggi è diventata realtà.

Perdere la testa e dar corpo a una nuova identità: critica di AZIONE per RADIO FRANKENSTEIN

Perdere la testa e dar corpo a una nuova identità

In scena il nuovo progetto teatrale dell’attore e regista svizzero indaga sulle implicazioni etiche legate ai futuri sviluppi della medicina
/ 18.09.2017
di Giorgio Thoeni

Con il recente debutto al Teatro Foce di Lugano di Radio Frankenstein, la vena creativa di Markus Zohner questa volta è al passo con i tempi e coglie spunto dalla stretta attualità per farci riflettere su un tema che si colloca perfettamente sulla scia del ciclo di approfondimenti «sulle origini del tutto» che il regista e attore da tempo realizza con interviste a tutto campo per la sua Radio Petruska destinata ad ascolti in podcast. L’attualità è quella legata al progetto di Sergio Canavero, il neurochirurgo italiano che vorrebbe trapiantare la testa di un paziente sul corpo di un uomo deceduto per morte cerebrale.

La notizia, che ha il sapore del paradosso, era stata data nel 2015 ma dopo aver fatto il giro del mondo sta ancora facendo discutere la scienza e l’etica soprattutto dopo che sappiamo che l’intervento, battezzato «Heaven» (paradiso), verrà realizzato entro la fine dell’anno in Cina. La nazione ospite sembra infatti aver garantito il suo finanziamento dichiarandosi disponibile a quella delicatissima e costosa operazione (11 milioni di euro, 36 ore di intervento e un’équipe di 150 medici) che, secondo il neurochirurgo, rappresenterebbe il primo passo verso l’immortalità. Una certezza conquistata dopo aver già eseguito il trapianto su nove topi.

Il dibattito che il progetto ha generato, soprattutto sul piano etico e morale, è spesso sfociato in polemiche ma soprattutto ha suggerito un paragone con l’esperimento del dottor Victor Frankenstein, il moderno Prometeo nato dalla fantasia letteraria di Mary Shelley ha ispirato la versione teatrale di Zohner che ha messo in scena con la sua compagnia una sorta di quarta parete subliminale fra pubblico presente in «numerus clausus», una sala operatoria e uno studio radiofonico. Il pubblico viene dapprima invitato a riempire un formulario anonimo rispondendo a domande sul valore del proprio corpo in relazione ai sentimenti, a risvolti venali, al senso del sacrificio. Gli spettatori vengono poi accolti in video da un’empatica operatrice e successivamente prendono posto su sedie allineate sul palcoscenico. Di fronte a loro due speaker enunciano la filosofia di «Radio Frankenstein», «la radio che ti fa essere ciò che sei». I due sono anche i chirurghi alle prese con un’anamnesi sdoppiata fra pubblico e vittima sacrificale, contrario a cedere la testa all’infelice proprietario di un corpo deforme. Andrà verso una nuova identità. E che cosa ci fa essere ciò che siamo? Siamo esseri umani perché abbiamo un cuore e un cervello?

Giocato sulle corde di una fredda ironia, in poco più di un’ora il copione immaginato da Zohner ci smonta i meccanismi di una verità annunciata che entra nel labirinto di un paradosso dove arte e scienza giocano a rimpiattino su qualcosa che, probabilmente, rischia di accadere davvero. Sono bravi tutti. Da Zohner nelle vesti di autore e regista a tutti gli interpreti: Patrizia Barbuiani, Santiago Bello, Luca Domas, Alessandra Francolini, Igor Mamlenkov, David Matthäus Zurbuchen con il designer Sandro Pianetti.

 

RADIO FRANKENSTEIN: New performance by Markus Zohner Arts Company from Markus Zohner on Vimeo.