Scarica adesso gratuitamente l’APP nel App Store (iOS) e in GooglePlay (Android) con immediato accesso a tutti i podcast culturali di RADIO PETRUSKA creati finora, e a quelli che verranno prodotti in futuro.
close ×
+

Mente, mondo, cervello, identità: la generazione dell‘io. Con il Prof. Riccardo Manzotti, PhD Robotics, Professore Associato di Filosofia Teoretica, IULM Milano, Fulbright Visiting Scholar MIT (Boston), UAEU Visiting Professor (Emirates), e Markus Zohner.

Mente, mondo, cervello, identità: la generazione dell‘io. Con il Prof. Riccardo Manzotti, PhD Robotics, Professore Associato di Filosofia Teoretica, IULM Milano, Fulbright Visiting Scholar MIT (Boston), UAEU Visiting Professor (Emirates), e Markus Zohner.

29/07/2018 Lugano, TI (CH)

Details

Time : 18:30
Venue : Parco Ciani
Address : La Darsena
State : TI
Zip : 6900
Phone : +41 58 866 48 00
Contact Email : info@radiopetruska.com
Contact Website : http:/zohner.com

Mente, mondo, cervello, identità: la generazione dell‘io. 

Con il Prof. Riccardo Manzotti, PhD Robotics, Professore Associato di Filosofia Teoretica, IULM Milano, Fulbright Visiting Scholar MIT (Boston), UAEU Visiting Professor (Emirates), e Markus Zohner. 

Puoi scaricare il programma completo come PDF qua, e qua in risoluzione alta per la stampa.

Questa mela è reale. Ne sono conscio. Questo traghetto è reale. Ne sono conscio.
Esistono anche fuori dal mio corpo, esistono fuori dal mio cervello.
Dal momento che sono conscio di loro, diventano parte di me. E dato che, come conferma Werner Heisenberg, osservatore e osservato non si possono separare, se io ne faccio esperienza, loro devono essere parte di me: divento mela, divento traghetto, divento sasso rosso.
La mia coscienza è dunque soltanto una proprietà dei miei neuroni, o coincide con gli oggetti che mi circondano? 

Ci tieni a sostenere il nostro lavoro?  Qui trovi tutte le informazioni e coordinate. Grazie!


 

Dott. Riccardo Manzotti

Riccardo Manzotti è professore di filosofia teoretica della IULM di Milano, classe 1969, ha seguito un percorso spinto dal tentativo di
comprendere la natura dell’aspetto più intimo dell’esperienza umana: la mente cosciente. Manzotti si è laureato in Ingegneria elettronica, ha conseguito un dottorato in robotica (Università di Genova) occupandosi di intelligenza artificiale, visione artificiale, robotica antropomorfa a partire dal 1999 presso l’università di Genova. Nel 2004 si è laureato in filosofia per affrontare il problema della coscienza in un orizzonte più vasto. Da allora ha lavorato prima come ricercatore universitario e oggi come professore associato di filosofia teoretica in numerosi laboratori e atenei internazionali. Oltre alla sua normale attività di studioso (circa un centinaio di articoli e numerosi libri), Riccardo Manzotti ha messo a punto una teoria che si propone di spiegare la coscienza all’interno del mondo fisico ma non all’interno del sistema nervoso centrale. La teoria, definita The Spread Mind, propone una soluzione originale e convincente alla natura fisica della mente: la mente non è nel cervello, ma coincide con il mondo fisico esterno al corpo, debitamente definito in modo da essere compatibile con gli ultimi sviluppi della fisica.

Dopo il racconto della storia Dal Big Bang al Pensiero Umano del 2015 (disponibile per l’ascolto sull’app di RADIO PETRUSKA) e dopo il ciclo di sette incontri LA CREAZIONE DEL MONDO – L’EVOLUZIONE DELL’UOMO nel 2016 (disponibile per l’ascolto sull’app di RADIO PETRUSKA), nel 2018 la Markus Zohner Arts Company con RADIO PETRUKSA durante il Longlake Festival di Lugano incontrerà sette scienziati di fama mondiale per parlare con loro del cervello umano. IO: la generazione dell’anima umana.

Incontreremo sette scienziati di fama mondiale provenienti dal mondo della neuroscienza, della robotica, dell’informatica, della filosofia e della psicologia per parlare con loro sul funzionamento del cervello umano, sull’intelligenza, sull’empatia e sulla sua nascita attraverso i neuroni a specchio, sulla morale e sulle sue funzioni, sul conscio, sul linguaggio, sul pensiero, sulla creatività, sull’identità e sull’ ‘IO’. Vorremo sapere tutto sull’intelligenza artificiale, sul Machine Learning e sul futuro del cervello umano come interfaccia fra cognizione, intelligenza, conscio e computing. Attraverso questi 7 INCONTRI, desideriamo immergerci nelle grandi domande che ruotano attorno al nostro ‘Io’. Siamo felici di poter parlare con i nostri ospiti di quell’universo nel nostro cranio che ci regala la possibilità di vedere, di sentire, di ascoltare. Di imparare, di ricordare. Di muoverci, di pensare di creare. Di essere coscienti: il cervello. IO: la generazione dell’anima umana.

 

Cogito ergo sum.  

ovvero: 

Io sono il mio polpaccio? 

 

Crediamo l’umano il sommo della creazione.
Siamo lusingati dalla nostra propria intelligenza e da quella dei nostri co-umani. Percepiamo il sapere, lo studio, il pensiero, l’intelligenza e la coscienza come fenomeno unicamente appartenente a noi, alla specie umana. 

Ma – l’intelligenza cos’è, in verità? Come si è evoluta nei milioni di anni passati, e si potrà sviluppare ulteriormente? L’uomo è l’essere più intelligente sulla Terra? Potrà diventare ancora molto più intelligente di quanto lo sia oggi? Stiamo sviluppando sistemi che chiamiamo intelligenti. Cosa significa? Cos’è e come funziona l’intelligenza artificiale? A che punto è? Potrà mai superare l’intelligenza dell’Uomo? E quando si arriverà al punto in cui le macchine saranno più intelligenti di colui che le ha concepite?  Di quanto l’intelligenza umana potrà essere superata dall’intelligenza artificiale?
Saremo in grado di creare un’interfaccia fra questi calcolatori super-intelligenti e il sistema nervoso dell’Uomo?  

E poi?  

Cosa succederà all’anima umana? 

La coscienza. 

Fenomeno che ci rende orgogliosi, perché ci rende unici sulla Terra. Cos’è, da dove deriva? È una somma di calcoli del cervello, una proiezione di un supercomputer che sta galleggiando nel nostro cranio? 

È il risultato di un’intelligenza evoluta e arriva per forza dopo il raggiungimento di un certo livello d’intelligenza?  

E una volta che un calcolatore artificiale supera la quantità di calcoli del nostro cervello: avrà automaticamente una coscienza? 

Come esegue il nostro cervello questa enorme massa di calcoli, come fa a regolare continuamente e a tenere sotto controllo i processi fisiologici, i sentimenti, i movimenti, i pensieri, l’inconscio, il subconscio, il conscio? 

 E l’anima, alla fine, dove sgorga? 

 

Mille domande a sette scienziati di spicco dal mondo della neuroscienza, della fisica quantistica, della robotica, dell’informatica e della psicologia. 

I sette incontri con Markus Zohner verranno registrati radiofonicamente e saranno disponibili sull’App RADIO PETRUSKA da gennaio 2019.

Attenzione, il numero dei posti è limitato. Puoi riservare i biglietti presso InfoPoint Longlake 2018, Sportello Foce, +41 58 866 48 00.

Skip to toolbar