Scarica adesso gratuitamente l’APP nel App Store (iOS) e in GooglePlay (Android) con immediato accesso a tutti i podcast culturali di RADIO PETRUSKA creati finora, e a quelli che verranno prodotti in futuro.
close ×
+

Fotografie della serie “LIGHTS” di Markus Zohner all’ Esposizione “La vita e il tempo vissuti come arte a 360°”

UNTITLED della serie LIGHTS Markus Zohner

Vernissage: Fotografie della serie LIGHTS die Markus Zohner a Lugano

09/10/2014 Lugano, TI (CH) Free

Details

Time : 18:30
Venue : Lugano Urban Farm (LUF)
Address : Viale Franscini 20
State : TI
Zip : 6900
Contact Email : camilla@zohner.com

“La vita e il tempo vissuti come arte a 360°” è un’esposizione, un incontro tra artisti ticinesi e designer italiani. Gli artisti e i designer partecipanti all’esposizione sono CLAUDIO TADDEI, MARKUS ZOHNER, per il Ticino, FOUR PROJECT srl, FUJI SATO COMPANY SNC, DELFI srl, CRISTIAN SPORZON, per l’Italia.

L’esposizione rimarrà aperta per tre giorni il 9-10-11 ottobre. Il vernissage dell’evento sarà il 9 ottobre dalle 18.30 presso la Lugano Urban Farm (LUF) in Viale Franscini 20, Lugano. Il venerdì sarà possibile visitare ancora l’esposizione e il sabato ci sarà la serata conclusiva.

L’evento, della durata di tre giorni si distanzia dalla solita idea di esposizione; il luogo espositivo non è una galleria, bensì una villa in stile liberty. L’arte può essere fotografia o disegno, ma anche oggettistica d’arredo, il tutto accomunato dall’idea del tempo. Il tempo inteso come attesa, il tempo come cambiamento. L’intento dell’esposizione è quello di far incontrare due mondi, in fondo non così lontani, come quello dell’arte e quello del design, quello degli appassionati d’arte e dei collezionisti e quello degli studi d’architettura, dei designer.
È l’evento lancio di una serie di eventi tra arte e design.

La serie LIGHTS di Markus Zohner è stata fotografata su materiale analogico: pellicola di medio formato.

 

Luci

Non stanno mai ferme. O ti muovi verso di loro, via da loro, o si muovono loro, verso di te, via da te.
La statica di luci è soltanto apparente. E sempre sovvrastimula l‘occhio.
Si stagliano, pungono, vogliono guidarti, ma ti confondono e ti fanno venire le vertigini.
Il tentativo di fotografarle: darle il tempo di fermare il loro movimento.

 

Skip to toolbar